Stampa la pagina corrente  Mostra la mappa
Fabro-Cornelio
Autore:   Fabro Cornelio
Titolo evento:   Dall'ateismo alla "teologia della morte di Dio"
Data evento:   14-Mar-1969
Stagione:   1968 - 1969
Conferenze A.C.I.:   XXIII
 
Autore:  Fabro Cornelio
Attività autore:  Filosofo, teologo, sacerdote
Luogo di nascita:   Flumignano (Udine)  Anno di nascita:  1911 
Luogo di morte:   Roma  Anno di morte: 1995

Padre Cornelio Fabro, ordinario di filosofia teoretica all'Università di Perugia, perito conciliare, è, fra i pensatori cattolici del nostro tempo, quello che più da vicino si è occupato di una delle linee direttrici della filosofia moderna: l'esistenzialismo. Partendo dallo studio di Kierkegaard, del quale ha tradotto alcune opere fondamentali, Cornelio Fabro ha individuato alla base dell'esistenzialismo di Kierkegaard un'angoscia che si identifica con la sete inappagata di Dio da parte degli uomini. Fra gli altri grandi interessi del filosofo cattolico figura il tomismo, da lui considerato un pensiero ancora attuale e vivo, in cui si integrano in una vigorosa sintesi il platonismo e l'aristotelismo. A San Tommaso ha dedicato le due opere filosofiche più importanti: La nozione metafisica di partecipazione secondo San Tommaso, Participation et causalité. All'incontro fra la metafisica tomistica dell'“esse” col pensiero moderno è dedicato il volume: Dall'essere all'esistente. E autore inoltre di studi di fenomenologia, di un volume su Materialismo dialettico e materialismo storico e di un'Introduzione all'ateismo moderno, salutato dalla critica come un contributo prezioso alla comprensione dell'angoscioso problema dell'uomo contemporaneo, il quale ha smarrito le ragioni della presenza di Dio nel mondo.
Documentazione cartacea: Richiedi

Registrazione audio: Richiedi

Indice degli argomenti - Filosofia e religione - Fabro Cornelio - Dall'ateismo alla "teologia della morte di Dio"