Stampa la pagina corrente  Mostra la mappa
Barolini-Antonio
Autore:   Barolini Antonio
Titolo evento:   Si può superare "il mio regno non è di questo mondo?"
Data evento:   28-Nov-1969
Stagione:   1969 - 1970
Conferenze A.C.I.:   XXV
 
Autore:  Barolini Antonio
Attività autore:  Scrittore
Luogo di nascita:   Vicenza  Anno di nascita:  1910 
Luogo di morte:   Roma  Anno di morte: 1971

Autore di alcuni fra i più noti best-sellers delle ultime stagioni letterarie italiane, Antonio Barolini non sfugge, nonostante i suoi viaggi, le sue molteplici esperienze stilistiche, le sue lunghe residenze in altri Paesi, alla classica definizione di «scrittore veneto» con tutto ciò che essa significa: pieno di inquietudini, carico di una sensibilità cupa e umbratile in continua tensione religiosa, Barolini ha dato alla letteratura italiana vicende di cruciale interesse psicologico, personaggi di drammatica attualità esistenziale. Esordì nel 1938 con una raccolta di versi, La gaia gioventù, che piacque al Croce; poi alternò l'attività di poeta con quella di narratore. Appartengono alla prima le Elegie di Croton, premio Bagutta nel 1959, e il volume L'angelo attento, in cui la sua opera poetica riceve una sistemazione complessiva e definitiva; alla seconda, i romanzi Una lunga pazzia, scritto nel '52 ma pubblicato soltanto dieci anni dopo, Le notti della paura e La memoria di Stefano, in cui si innesta la lontana prima prova giovanile intitolata Le giornate di Stefano. Contemporaneamente Barolini lavorava come corrispondente da Washington per La Stampa; più tardi, tornato in Italia., ha proseguito la sua attività giornalistica al Corriere della Sera, su cui pubblica note di costume, elzeviri, note critiche.
Documentazione cartacea: Richiedi

Registrazione audio: Richiedi

Indice degli argomenti - Filosofia e religione - Barolini Antonio - Si può superare "il mio regno non è di questo mondo?"