Stampa la pagina corrente  Mostra la mappa
Lajolo Davide
Autore:   Lajolo Davide
Titolo evento:   La cultura nello schieramento politico: dalla Resistenza al 15 giugno
Data evento:   Non disponibile
Stagione:   1975 - 1976
 
Autore:  Lajolo Davide
Attività autore:  Scrittore, giornalista
Luogo di nascita:   Vinchio (Asti)  Anno di nascita:  1912 
Luogo di morte:   Roma  Anno di morte: 1984

Scrittore e giornalista, comandante partigiano con il nome di “Ulisse”, comunista di lunga milizia, ma sempre e costantemente ansioso di confrontare la fede marxista con i rischi che ne vengono alla libertà dell'individuo. Davide Lajolo ha portato in tutta la sua ormai lunga e ricca produzione letteraria i segni delle sue origini contadine (è nato a Vinchio d'Asti, sulle colline del Monferrato, nel 1912) e le testimonianze di una vita densa di incomparabili esperienze umane. Dal primo libro, Classe 1912, dedicato alla lotta partigiana e ripubblicato recentemente con il titolo A conquistare la rossa primavera, al Vizio assurdo, storia della vita di Cesare Pavese di cui fu amico, al Voltagabbana, a Pavese e Fenoglio, a Giuseppe di Vittorio a I rossi, Lajolo percorre un itinerario politico-intellettuale le cui tappe salienti sono gli incontri, i dialoghi, le scoperte di uomini vivi e veri. Con questi personaggi egli intreccia un dibattito intenso e stimolante che parte dalla sua intima convinzione che il marxismo sia, nonostante i problemi e le difficoltà del suo cammino storico, un insegnamento di libertà. Fra le altre opere di Lajolo - che attualmente dirige il settimanale Sette Giorni-Vie Nuove, dopo aver diretto per dieci anni l'Unità – sono il romanzo Come e perché e Poesia come Pane.
Documentazione cartacea: Non disponibile

Indice degli argomenti - Storia e società - Lajolo Davide - La cultura nello schieramento politico: dalla Resistenza al 15 giugno