Stampa la pagina corrente  Mostra la mappa
Zevi Bruno
Autore:   Zevi Bruno
Titolo evento:   La conquista di una moderna tradizione architettonica
Data evento:   18-Dic-1953
Stagione:   1953 - 1954
Quaderni A.C.I.:   XIII
 
Autore:  Zevi Bruno
Attività autore:  Architetto
Luogo di nascita:   Roma  Anno di nascita:  1918 
Luogo di morte:   Roma  Anno di morte: 2000

Bruno Zevi, nato nel 1918, ha dato un contributo di grande importanza alla conoscenza dei problemi dell'architettura. Mentre si trovava in America durante la guerra ha diretto i Quaderni di Giustizia e Libertà. Il suo primo libro, Verso un'architettura organica, è del 1945. Tre anni dopo uscì Saper vedere l'architettura, che ricevette il premio europeo Cortina Ulisse per la critica d'arte e che esercitò un'influenza profonda sugli studi architettonici in Italia; è tradotto in 11 lingue. Zevi pubblicò successivamente altri volumi, tra i quali nel 1950 la Storia dell'architettura moderna, nel 1960 Biagio Rossetti, architetto ferrarese, il primo urbanista moderno europeo e Architettura in nuce, nel 1964 i saggi su Michelangelo architetto e nel 1970 sull'opera di Eric Mendelsohn. Del 1971 è il libro Saper vedere l'urbanistica, del 1973 il volume Spazi dell'architettura moderna, in cui Zevi analizza le vicende dell'architettura dalla rivoluzione francese ad oggi, e Il linguaggio moderno dell'architettura. Da anni Bruno Zevi è titolare di una rubrica fissa sull'Espresso sui problemi dell'architettura e dell'urbanistica, i cui articoli sono raccolti negli otto volumi Cronache di architettura. È ordinario di Storia dell'architettura all'Università di Roma e direttore della rivista L'architettura - cronache e storia.
Documentazione cartacea: Richiedi

Indice degli argomenti - Architettura - Zevi Bruno - La conquista di una moderna tradizione architettonica